lunedì 03 agosto 2020

Tematismi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Home Page/ECOGESTIONE: Introduzione

ECOGESTIONE


L’ecogestione

Il rispetto dell’ambiente sta divenendo un’esigenza fondamentale sia per gli operatori del settore privato, sia per quelli del settore pubblico, poiché i diversi interlocutori delle aziende e delle pubbliche amministrazione chiedono una maggiore attenzione alla tutela dell’ambiente e al miglioramento della qualità della vita.

Ciò è ancora più evidente in un contesto economico e sociale sempre più globale e dinamico: la nuova sfida è quella della gestione eco-compatibile delle attività antropiche.

La salvaguardia dell’ambiente attualmente è considerata non solo come un’esigenza etica ma anche come un’opportunità per migliorare sia i risultati economici delle aziende che i rapporti tra il settore industriale e pubblico con i relativi interlocutori.

In tal senso si è evoluta la Politica Ambientale Comunitaria che è divenuta trasversale alle altre politiche settoriali elaborate a livello europeo ed inoltre ha ampliato, da un punto di vista quantitativo e qualitativo, la gamma di strumenti applicabili affinché siano raggiunti gli obiettivi di tutela ambientale.

La trasversalità della Politica Ambientale Comunitaria è riscontrabile nella nuova filosofia che caratterizza la gestione dei Fondi Strutturali, in base alla quale prima di realizzare, su un territorio, qualsiasi intervento finanziato dall’Unione Europea, è necessario valutare gli impatti ambientali che ne potrebbero derivare ed individuare le azioni opportune per mitigarli al fine di indirizzare le risorse finanziarie dell’Unione Europea verso la realizzazione di uno sviluppo socio-economico eco-compatibile.

La variazione quantitativa e qualitativa degli strumenti elaborati a livello europeo per indirizzare lo sviluppo economico verso principi di sostenibilità ambientale rappresenta la risposta al cambiamento culturale e metodologico sottostante i nuovi indirizzi della politica ambientale comunitaria che affiancano all’approccio tradizionale definito “command and control”, quello della volontarietà e della responsabilizzazione dei soggetti coinvolti nella questione ambientale.

I nuovi strumenti applicabili nel contesto europeo per l’efficienza ambientale sono definiti “volontari” e di “mercato” in quanto le aziende hanno la possibilità di scegliere di adottarli, anche se il mercato, e quindi le richieste dei consumatori e degli stakeolders in generale, possono spingere affinché il settore privato e pubblico si conformi a questi nuovi indirizzi e organizzi le proprie attività nel rispetto della tutela ambientale.

I principali strumenti volontari individuati dall’Unione Europea sono il Regolamento EMAS (Regolamento CE n. 761/2001 e il Regolamento ECOLABEL (Regolamento CE n. 1980/2000).

ecolabel info (doc)
guida operativa (pdf)