lunedì 03 agosto 2020

Tematismi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Home Page/Prevenzione e Rischio Tecnologica/Ascensori

ASCENSORI,  MONTACARICHI  E PIATTAFORME ELEVATRICI

 

Ai sensi dell’articolo 13 del D.P.R. 30 Aprile 1999, n. 162, una volta messi in esercizio, gli ascensori e i montacarichi vanno sottoposti a verifiche periodiche con cadenza biennale da parte di tecnici muniti di laurea in ingegneria, da uno dei seguenti soggetti:

  • ARPA
  • Organismi notificati.

Le operazioni di verifica periodica sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio dell’impianto sono in condizioni di efficienza, se i dispositivi di sicurezza funzionano regolarmente e se è stato ottemperato alle prescrizioni eventualmente impartite in precedenza.
Secondo le disposizioni riportate nella circolare del Ministero Sviluppo Economico (ex M.I.C.A.) n. 157296 del 14/4/97, ribadite nella nota circolare del Ministero Sviluppo Economico n. 17595 del 07/03/2008, le verifiche periodiche di cui sopra sono obbligatorie anche per le piattaforme elevatrici “per disabili” con altezza di caduta superiore a 2 metri, , ovvero
Le spese per l’effettuazione dei controlli sono a carico del Proprietario o del legale Rappresentante dello stabile ove è installato l’impianto. A tal proposito si ricorda che l’Arpa Molise applica le tariffe riportate nel Tariffario per le prestazioni fornite dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del  Molise a favore di terzi, pubblicato nel Supplemento Ordinario n. 1 al BURM del 16 marzo 2005, n. 6. Le quote indicate comprendono ogni onere necessario per l’effettuazione degli esami e prove, la consegna della documentazione conclusiva, la fornitura di targa adesiva e di una guida per il corretto uso dell’ascensore.
Da questa pagina è possibile scaricare, in formato PDF, tutta la documentazione che permetterà di avviare l’istruttoria ai fini della stipula della convenzione con l’Arpa, e in particolare:

  1. Modello “ASC U – Convenzione per l’affidamento di incarico” da inviare all’ARPA Molise, opportunamente compilato e firmato dal proprietario dell’impianto o dal legale rappresentante (l’Agenzia provvederà a restituire questo modello debitamente controfirmato).
  2. Modello “ASC 4 – Comunicazione assegnazione di incarico” da inviare al Comune competente per territorio, come da D.P.R. 162/99, unitamente alla copia del mod. “ASC U - Convenzione per l’affidamento di incarico”;
  3. Modello “ASC 4_1 – Comunicazione assegnazione di incarico” da inviare al Comune competente per territorio, come da D.P.R. 162/99, unitamente alle copie dei mod. “ASC U – Convenzione per l’affidamento di incarico”, nel caso di più impianti convenzionati;
  4. Modello “ASC 7 Richiesta duplicato libretto matricolare ascensori e montacarichi” da inviare all’ARPA Molise in caso di smarrimento del libretto unitamente a:
    1. Dichiarazione sostitutiva atto notorietà;
    2. Copia del tagliando del bollettino di c.c.p. attestante l’avvenuto pagamento della somma di € 91,84 intestato a: ARPA MOLISE VIA D’AMATO, 15 - 86100 CAMPOBASSO -Conto Corrente Postale n. 39251855 (si prega indicare nella causale del versamento “Richiesta duplicato libretto matricolare impianto n. matr._____”).
Verifiche periodiche di Ascensori e Montacarichi


Linee Guida (pdf)


Verifiche periodiche piattaforme elevabili per disabili (pdf)




 
Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici installati prima del 1999

Il 1 settembre 2009 è entrato in vigore il Decreto 23 luglio 2009 del Ministero dello Sviluppo Economico relativo al “Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE” (GU n. 189 del 17-8-2009).
Al fine di salvaguardare la sicurezza degli utenti e dei tecnici operanti sugli ascensori, il decreto dispone l’adozione di appositi interventi di adeguamento mirati al progressivo e graduale miglioramento del livello di sicurezza degli ascensori.
Pertanto, a partire dall’entrata in vigore del decreto, il proprietario dell’impianto o il suo legale rappresentante, in occasione della prima verifica periodica prevista dal D.P.R. 162/99, richiede e concorda con ARPA Molise l‘effettuazione di una verifica straordinaria, finalizzata alla realizzazione di un’analisi delle situazioni dì rischio presenti nell’impianto.
Tale verifica straordinaria dovrà essere effettuata entro il termine perentorio previsto dal Decreto; in tale occasione saranno prescritti gli interventi di adeguamento sull’impianto da attuarsi nei tempi stabiliti.
L’Arpa Molise dovrà verificare, nel corso delle ispezioni successive, l’avvenuto adeguamento previsto dal Decreto e, in caso contrario, dovrà comunicare l‘esito negativo al competente ufficio comunale ai fini della disposizione del fermo impianto.
Si comunica che, considerata la laboriosità della procedura di valutazione del rischio, le tariffe applicate da questa Agenzia per l’espletamento del controllo straordinario saranno le stesse indicate nel Tariffario per le prestazioni fornite dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Molise a favore di terzi, pubblicato nel Supplemento Ordinario n. 1 al BURM del 16 marzo 2005, n. 6, incrementate del 30% sull’imponibile.
Si precisa infine che la responsabilità relativa alla applicazione degli adempimenti previsti ricade sul proprietario dell’impianto o legale rappresentante.
Per una informativa più completa è possibile scaricare da questa pagina il testo integrale del Decreto e il poster divulgativo sul tema.
Info: Area Prevenzione, Rischio Tecnologico e Valorizzazione Ambientale - tel. 0874/492623

Poster (pdf)