mercoledì 19 settembre 2018

Tematismi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Home Page

 
 

CONFERENZA STAMPA 11 SETTEMBRE 2018

Presentata, questa mattina in conferenza stampa, la Convenzione sottoscritta tra Arpa Molise ed il comando provinciale dei Vigili del Fuoco, per un progetto volto alla riclassificazione ambientale delle acque dell’invaso del Liscione.
Il Commissario Straordinario di Arpa Molise Antonella Lavalle, il Direttore Tecnico Scientifico dell’Agenzia Bernardino Principi, insieme con Il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Campobasso Cristina D’Angelo e l’Assessore regionale all’ambiente Nicola Cavaliere, hanno illustrato quindi la procedura che consentirà di eseguire le attività di controllo e monitoraggio in tutta sicurezza, grazie alla presenza del corpo dei Vigili del Fuoco, che metterà a disposizione dell’Arpa attrezzature e competenze. Al via dunque lo studio della risorsa idrica dell’invaso, costantemente modificata dall’attività umana, i cui dati saranno presto consultabili sul sito dell’Agenzia.



AVVISO

Si comunica che è stato redatto, per gli anni 2016–2017, l’annuario dei dati ambientali di ARPA Molise.

per la consultazione clikkare (qui).



Ambiente in primo piano

Il 20 marzo 2018 sarà presentato “Ambiente in primo piano”, il primo rapporto redatto dal SNPA con i dati relativi a tutte le matrici e tematiche ambientali di cui le Agenzie ambientali si occupano.

All’interno del rapporto sono presenti due box di approfondimento curati da ARPA Molise riguardanti la qualità dell’aria:
-“Valutazione della qualità dell’aria della regione Molise attraverso l’utilizzo di un sistema modellistico.”
-“Il monitoraggio biologico del suolo in Arpa Molise con api da miele”

link a cui sarà disponibile il rapporto
brochure programma




SCHIUMA BIANCA IN MARE

Negli ultimi giorni è stata osservata la presenza di una schiuma bianca in alcune zone del litorale molisano.
Si tratta di una schiuma di origine naturale, chiamata dagli esperti “muco di mare” che si forma a causa della dispersione dei gas nell’acqua: durante le mareggiate, in presenza di forti correnti o in seguito ad un afflusso consistente di acqua dai fiumi in seguito a piogge abbondanti le molecole di aria vengono inglobate in quelle liquide dell’acqua marina favorendo la formazione di schiume di colore bianco e poco compatte.
È un fenomeno tipico del mare Adriatico, anche se da alcuni anni si manifesta anche lungo le coste del Tirreno ed è stato osservato soprattutto nel periodo tra la fine dell’inverno e l’inizio dell’estate. Episodi analoghi, infatti, sono stati registrati negli scorsi anni nella nostra Regione, nelle Marche, in Abruzzo, nel Salento, ma anche in Campania e nel Lazio.
In generale tali schiume non rappresentano una minaccia per la salute umana, a meno che non siano associate ad una fioritura di fitoplancton tossico.
ARPA Molise ha effettuato finora tre campionamenti in vari punti della costa molisana che hanno escluso la presenza di microalghe e continuerà; ad effettuare prelievi fino alla scomparsa del fenomeno.
Si consiglia, comunque, di evitare di bagnarsi direttamente nelle schiume, a causa della potenziale capacità; delle stesse di aggregare e concentrare materiale o sostanze indesiderate.
Si ricorda che l’ARPA Molise effettua, così come previsto dalla normativa, il monitoraggio delle acque marine ai fini della balneazione.
Tutti i risultati delle campagne di monitoraggio sia dell’anno in corso che dei precedenti sono pubblicati sulla pagina web pianiacquemolise.it nella sezione BALNEAZIONE



Procedura di consultazione avviata dalla Commissione Europea in materia di attuazione delle norme sulla qualità dell’aria.

Si comunica che la Commissione Europea ha recentemente avviato una procedura di consultazione con gli Stati Membri finalizzata ad acquisire informazioni su esperienze e punti di vista circa l’attuazione delle direttive 2008/50/CE e 2004/107/CE in materia di qualità dell’aria.

A tal proposito, si segnala che la Commissione Europea ha reso disponibile sul proprio sito internet all’indirizzo un apposito questionario, da compilare on-line, rivolto sia ai soggetti competenti alla valutazione e gestione della qualità dell’aria sia ai privati cittadini.

Tutti i soggetti sono pertanto invitati a compilare i questionari di propria competenza .

Il Ministero ha provveduto a sua volta ad inserire un riferimento alla procedura sul proprio sito internet .

La procedura di consultazione terminerà il 31 luglio prossimo.



DPR DEL 13.06.2017 N. 120
“DISCIPLINA SEMPLIFICATA DELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO”
(ai sensi dell’articolo 8 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014,

È stato pubblicato in G.U. del 7/08/2017 n.183 il Decreto del Presidente della Repubblica 13/06/2017 n. 120 recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo; in proposito si evidenzia che le dichiarazioni di utilizzo di cui all’art.21 (cantieri di piccole dimensioni) devono essere presentate al comune del luogo di produzione e all’Agenzia di protezione ambientale almeno 15 giorni prima dell’inizio dei lavori di scavo.

N.B.:
- il DPR n.120/2017 entra in vigore il 22/08/2017
- I piani e i progetti di utilizzo già approvati prima dell’entrata in vigore del DPR n.120/2017 restano disciplinati dalla relativa normativa previgente.

Dalla entrata in vigore del DPR n.120/2017 è abrogato il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela edel territorio e del mare 10 agosto 2012, n. 161. Sono altresì abrogate le seguenti disposizioni:

a) l’articolo 184 -bis , comma 2 -bis , del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
b) gli articoli 41, comma 2 e 41 -bis del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98.



L’ARPA MOLISE PROMUOVE UN SISTEMA DI BIOMONITORAGGIO CON API DA MIELE (pdf)



Molise: il controllo di piattaforme petrolifere offshore



per leggere la pubblicazione clicca qui



Report 2016 controllo del territorio (pdf)



Adozione Piano Regionale Integrato per la qualità dell’Aria del Molise – P.R.I.A.Mo.

Si comunica che sul Supplemento Ordinario n. 2 al BURM n. 46 del 16.12.2016 è stata pubblicata la DGR n. 578 del 09.12.2016 di adozione delle proposte di P.R.I.A.Mo. e dei relativi documenti per la Valutazione Ambientale Strategica.
A partire dal giorno di pubblicazione decorrono i 60 gg. di consultazione pubblica in cui chiunque potrà presentare osservazioni anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi (art. 14, D.Lvo n. 152/2006).



È disponibile al Play Store di Google la APP “ARPA Molise Qualità dell’aria” che fornisce informazioni sullo stato di qualit’ dell’aria in Molise.



ATTIVITA’ DI AGGIORNAMENTI DEL PIANO REGIONALE DI TUTELA DELLE ACQUE, PIANO NITRATI E PIANO DI GESTIONE ACQUE DEI DISTRETTI IDROGRAFICI

Con Deliberazione della Giunta Regionale n° 67/2015 è stato affidato ad ARPAM il compito di effettuare tutti gli adempimenti tecnici per la l’aggiornamento del Piano Nitrati, del Piano Regionale di Tutela delle Acque e dei conseguenti Piani di Gestione Acque, riferitamente all’ambito territoriale di competenza, per i Distretti Idrografici dell’Appennino Centrale e Meridionale.



Verifiche attrezzature di lavoro: le nuove disposizioni introdotte dal “Decreto del fare"

L’entrata in vigore della Legge 9 agosto 2013 n. 98, di conversione del D.L. n. 69 del 21/06/2013 ("Decreto del Fare") , ha modificato il comma 11 dell' Articolo 71 del D Lgs. 81/2008 introducendo importanti novità nel campo delle verifiche periodiche di apparecchi di sollevamento e in pressione. In virtù di questa norma ARPA Molise è titolare delle verifiche successive alla prima delle attrezzature di lavoro al pari dei soggetti privati abilitati e dell’ASREM. Risultano pertanto notevolmente ampliate le attività istituzionali dell’Agenzia nel settore impiantistico,che già annovera competenze inerenti le verifiche periodiche e straordinarie di ascensori, montacarichi e piattaforme elevatrici nonché le verifiche periodiche obbligatorie su impianti elettrici e di protezione dalle scariche atmosferiche (D.P.R. 162/1999, D.P.R. 462/2001, L.R. 11/2006). A breve l’Agenzia fornirà maggiori dettagli nonché la modulistica utile all’inoltro della richiesta di verifica



Gli impianti fotovoltaici a terra ed eolici installati nella Regione Molise.

Arpa Molise, nell ambito delle sue attività istituzionali, ha realizzato una mappatura degli impianti fotovoltaici installati a terra di potenza maggiore di 1MW e una mappatura dei parchi eolici installati nella regione Molise. Ogni impianto censito è stato georeferito e corredato da una scheda tecnico-informativa.
Link alla documentazione



Impianti elettrici

ARPA Molise ha avviato il nuovo servizio di verifiche periodiche obbligatorie sugli impianti elettrici e di messa a terra installati nei luoghi di lavoro, così come previsto dal D.P.R. 462/2001. Il datore di lavoro o il legale rappresentante della ditta può far pervenire la richiesta presso la DIREZIONE GENERALE ARPA di Via U. Petrella Campobasso, utilizzando la modulistica predisposta reperibile nel tematismo(prevenzione rischio tecnologico e valorizzazione ambientale-impianti elettrici).




Avvisi pubblici Medico Autorizzato ed Esperto Qualificato



Avviso pubblico Medico Competente.



Regolamento per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui alla legge 24.11.1981 n. 689 per violazione delle disposizioni della parte III D.Lgs. n. 152/2006



Avviso ai fornitori di Arpa Molise FATTURAZIONE IN FORMATO ELETTRONICO (Decreto Ministeriale del 3 aprile 2013, nr.55)

Si rende noto che il Codice Univoco Ufficio da utilizzare per la trasmissione, a partire dal 31 marzo 2015 (co. 1° art. 25, D.L. nr.226/2014), della fattura in formato elettronico tramite il Sistema di Interscambio (SdI) è il seguente: UFNUWQ



AVVISO AI FORNITORI DI ARPA MOLISE SPLIT PAYMENT

Si rende noto che, per effetto del decreto legge 50/2017 (c.d. Manovra Correttiva 2017) contenente le misure fiscali urgenti e le misure per il terremoto, è prevista all’articolo 1, l’estensione dell’ambito applicativo dello Split Payment, a tutte le operazioni (prestazioni di servizi e cessioni di beni) effettuate nei confronti della Pubblica Amministrazione, come definita dall’art. 1, co. 2 della L.31 dicembre 2009, n.196, fra i quali rientrano anche le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente.
Pertanto, a partire dal 1° luglio 2017, ARPA MOLISE sarà obbligata a trattenere e versare direttamente all’Erario l’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) relativa alle fatture ricevute dai propri fornitori per cessioni di beni e prestazioni di servizi in disposizione all’art. 17-ter del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.